evolving

w la panzanella

Lo so, lo so, non è certo trendy e molto poco fusion però…

la PANZANELLA è proprio BUONA.

E poi è semplice e veloce da fare, salutare e, soprattutto è una di quelle ricette dove ognuno può mettere il suo zampino a piacimento aggiungendo quel che vuole. E’ dunque l’ideale per chi è letteralmente schiavo dell’ingrediente feticcio del momento e non può sottrarsi all’imperativo categorico di propinarlo in qualsiasi ricetta. Conosco personalmente questa dinamica perversa da cui tento ancora invano di liberarmi …

Oggi l’ho preparata in una versione sicilianeggiante, con la menta e i capperi cucunci, cioè il frutto della pianta del cappero e non il fiore, come i normali capperi. Sono più dolci e aromatici, meno salati, essendo conservati al naturale.

Voi fatemi sapere le vostre varianti !

Inzuppate del buon pane casarecccio avanzato (io ho usato delle fette di Lariano cotto a legna, semi-integrale) in una ciotola d’acqua per qualche secondo, strizzate e sbriciolate in una bowl capiente. Aggiungete dei pomodorini a cubetti, dei capperi cucunci tritati, delle foglioline di menta sminuzzate e mezzo spicchio d’aglio tritato finissimamente (si può anche evitare, il risultato sarà comunque gustoso!).

A parte emulsionate del succo di limone con dell’ottimo olio extravergine di oliva e un po’ di pepe nero al mulinello. Data l’impronta siciliana della ricetta, sono ricorsa a un olio siciliano mediamente fruttato di monocultivar Moresca Segreto Mediterraneo dei Fratelli Cutrera di Chiaramonte Gulfi.

Mescolate il tutto con un bel cucchiaione et voilà, il gioco è fatto. Decorate come vi piace, con dei cucunci lasciati interi e completi del loro lungo picciolo, con i pomodorini, con dei microspicchietti di limone e fogioline di menta, it’s up to you !

(Ma qualcuno sa perchè si chiama così???).

1 commento

  1. Cri's Gravatar Cri
    12 giugno 2010    

    Il termine panzanella secondo alcuni, deriva dalle parole pane e zanella (conchino, piatto fondo o zuppiera); secondo altri dalla parola “panzana” che in origine voleva dire pappa.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>